I Domenica di Avvento (A)

«… uno verrà portato via e l’altro lasciato … una verrà portata via e l’altra lasciata …» (Mt 24,40).

 

Triste chi resta! Perché avverrà anche per lui quanto ha già visto succedere al compagno di letto e alla compagna di lavoro: essere portati via. Inoltre, egli dovrà sostenere il tempo dell’attesa da solo, con la sofferenza aggiunta di una mancanza. Ecco perché l’attesa umana si trasforma facilmente in semplice inerzia, rassegnazione, resa al destino. Tuttavia, mentre gli eventi gradatamente ci spogliano e ci portano via pezzi di vita, l’animo si può fare più attento, più sensibile ai volti che si affacciano e alle novità. La sofferenza per quanto si perde, rende più acuta l’attesa e prepara domande più profonde da rivolgere a Dio nel momento della sua venuta (commento di Giuseppe Pellegrino).