Festa Santa Famiglia (A)

«Andò ad abitare in una città chiamata Nazaret … » (Mt 2,23).

 

Di ritorno dall’Egitto, profondamente segnata da incomprensibili persecuzioni, da ingiustificabili sofferenze, da lunghe notti di incertezze, la famiglia del Bambino va ad abitare una porzione della terra. Maria, Giuseppe, Gesù portano lì la propria storia umana. Non si limitano ad occupare un alloggio, ad assumere un lavoro, a prendere posto nell’organizzazione sociale. Abitare è più di tutto questo! E’ espandere la propria anima sul territorio. È, allo stesso tempo, lasciarsi impregnare interiormente dal luogo. Gesù sarà chiamato Nazareno e non potrà più separare la propria identità da quel mondo. Non possiamo abitare le nostre porzioni di mondo senza anima e con estraneità. Così come non possiamo impedire sul territorio lo scambio tra le anime umane, nè le impronte che ciascuno lascia nel proprio passaggio (commento di Giuseppe Pellegrino).