I Domenica di Quaresima (B)

«… tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano» (Mc 1,13).

Satana è l’accusatore degli uomini presso Dio. È lo spione che riporta ciò che vede sulla terra. Non tutto, ma solamente ciò che scredita gli umani, la corruzione, le ambiguità, le cattiverie. Ecco la prima tentazione: «resta nel deserto e non iniziare una missione tra la gente! Non ne vale la pena! Non se lo meritano!». Anche la compagnia delle bestie selvatiche aggiunge forza a questa tentazione. Una volta conosciuti e rispettati, gli animali sono più affidabili degli umani. Meglio restare con loro e non avventurarsi tra le persone, spesso feroci a parole e nei fatti. Infine, perché abbandonare il deserto dove sei servito dagli angeli? Basta accontentarsi della propria autosufficienza. Gesù resiste a Satana e alle altre tentazioni. Va in Galilea, tra la gente, per annunciare la vicinanza del Regno di Dio. Dio non smette di cercare l’incontro e l’alleanza con l’umanità. Crede nelle sue possibilità di conversione … (commento di Giuseppe Pellegrino).