II Domenica di Pasqua

«Gli dicevano gli altri discepoli: Abbiamo visto il Signore … » (Gv 20,25).

È una buona notizia, ma non basta a confortare Tommaso! Anche oggi ci sono buone notizie che tuttavia non bastano a guarire i cuori. «Vaccini per tutti!», ad esempio, potrebbe essere una gran bella notizia per l’umanità. Eppure, essa non è sufficiente a portare sollievo in tempo di sofferenza. Manca il contatto umano di cui ha sentito bisogno Tommaso. Sapere che Gesù è risorto non conforta quanto saperlo vicino. La guarigione dell’umanità passa attraverso la costruzione di vicinanza. L’organizzazione sanitaria e la ricerca biomedica richiedono il passaggio attraverso rapporti umani concreti capaci di instaurare vicinanza per completare la guarigione dei cuori. Attraverso di essi si rinnova l’incontro con il Risorto (commento di Giuseppe Pellegrino).