V Domenica del tempo ordinario (C)

«Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini …» (Lc 5,10)

Pescatori di uomini sono quanti si buttano in mare per salvare un naufrago. Ma lo sono anche le ostetriche che estraggono il neonato dall’acqua per portarlo alla luce! Lo sono quanti salvano dal naufragio coloro che stanno affondando nella tristezza, nella disperazione, nei sensi di colpa! La condizione umana è sempre sul punto di affondare. Sempre in attesa di pescatori, che non diano il colpo di grazia con parole o gesti capaci di precipitare nell’abisso! Al contrario trovino gesti e parole che portano a risalire (commento di Giuseppe Pellegrino).