Zuccherare

Dulcis in fundo, tra i verbi della cultura possiamo considerare lo zuccherare, che è attività elementare di dosaggio. Si ispira alla cultura del cibo, con cui ogni madre, svezzando il proprio figlio, dosa momenti, quantità, temperature e ingredienti del cibo. Fin dall’inizio, educa le abitudini e le sensibilità alimentari di colui o colei che viene al mondo. Proseguirà aggiungendo i primi dolorosi divieti: «Basta zucchero!», «Basta caramelle!» Zuccherare la vita quotidiana richiede dosaggio!

Le misure non sono fissate in modo univoco né per sempre. Ci sono momenti in cui il corpo richiede più zucchero e altri in cui ne soffre gli eccessi e prova nausea. Inoltre, stando con gli altri e condividendo il cibo, occorre tenere conto di misure che non sono uguali per tutti: «Quanto zucchero volete nel vostro caffè e quanto dolce nella vostra dieta?».

L’acqua troppo zuccherata rischia di diventare imbevibile e buttata via, con il conseguente spreco di una risorsa naturale così preziosa. Ma l’acqua pura, inodore e incolore, non è sufficiente per tutte le circostanze. Ci sono condizioni di salute in cui l’acqua «non va giù…», se non con l’aggiunta di zucchero o altri additivi che la rendano più amabile. Occorre talvolta integrarla per suscitare il bisogno, il gusto, l’attrazione per questo bene che è essenziale per la sopravvivenza.

Da attività elementare nella vita quotidiana, zuccherare passa a diventare simbolo delle attività culturali, che addolciscono la materialità essenziale e grezza di cui è fatta la vita. Bisogna certamente apprendere e insegnare i dosaggi. Ma ciò non toglie che la pura e semplice essenzialità non basta a dare il tocco della dolcezza, della bontà, dell’amabilità che il mondo, gli ambienti e le persone possono trasmettere. Parole e i gesti vanno addolciti, con buon gusto e giusto dosaggio. Se la misura eccede, le parole e i gesti diventano sdolcinati, melliflui, nauseanti.

Il corpo sociale si ammala quando la realtà viene narrata in modo edulcorato. Ma non gode di buona salute quando viene sedotto dal culto dell’essenzialità naturale o della nuda razionalità.

XI Domenica del tempo ordinario (B)

«… egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura … » (Mc 4,29).

Il regno di Dio è discernimento e decisione. Non è aspettare che i frutti cadano da soli. È capacità di riconoscere la maturità del tempo per agire. Non è il regno della Natura, ma quello dell’azione congiunta del Creatore e delle sue creature. Si può esprimere anche con la parabola degli uccelli del cielo che fanno il nido all’ombra del grande albero. Trasformano l’ambiente naturale in un habitat, un nido in cui abitare e generare, una base per nuovi voli. Il Vangelo promuove l’armonia ambientale, ma spinge oltre quello che la natura ci dà, per creare nuovi rapporti tra tutte le cose. Affinché regni giustizia nel mondo, occorrono discernimento e decisione (commento di Giuseppe Pellegrino).

Voci di madre
Un video online per la festa della mamma con pillole di arte, psicologia, fede, vita e musica
Il Museo diocesano di San Sebastiano è aperto
L'accesso sarà contingentato a gruppi di cinque visitatori
Dal settore Cultura la parola del mese di aprile: unire
Unire immagini, parole, musica, corpi può dar vita ad un vero spettacolo o ad un film. Ma il collegamento non viene da sé, va costruito con arte
Messaggio del vescovo Piero per la Pasqua 2021
Incontri, sorrisi e solidarietà: ecco i nostri impegni pasquali - VIDEO
Veglie di preghiera per condividere la sofferenza e la solitudine della pandemia
Seguendo la preghiera di Gesù al Getsemani, a Cuneo nella chiesa del Sacro Cuore il 3 aprile
Il Messale come libro per la comunità
Continua online il percorso di formazione del clero delle diocesi di Cuneo e di Fossano - VIDEO

Iscriviti alla nostra Newsletter

Donazioni

Per eventuali donazioni in favore delle iniziative culturali della Diocesi di Cuneo, utilizzare il codice IBAN IT61 J030 6909 6061 0000 0006 002 intestato a DIOCESI DI CUNEO, presso Banca Intesa Sanpaolo, indicando la causale: Donazione per iniziative culturali della Diocesi di Cuneo. Grazie a quanti vorranno contribuire!

OPERA DEL MESE

La dolcezza di una madre

La parola del mese ci invita a… Read More

DOCUMENTO DEL MESE

Il cielo contro le difficoltà

“Addolcire la materialità essenziale e grezza di… Read More

LIBRO DEL MESE

La gioia cristiana

La gioia è uno stato d’animo in… Read More

PELLEGRINAGGIO DEL MESE

Esplora oltre 5 milioni di oggetti d'arte, edifici di culto, libri, fondi archivistici ed istituti culturali