Praticare

«Chi fissa lo sguardo sulla legge perfetta, la legge della libertà, e le resta fedele, non come un ascoltatore smemorato ma come uno che la mette in pratica, questi troverà la sua felicità nel praticarla» (Gc 1,24). Ecco un modo per descrivere l’attività culturale: la pratica della libertà!

Insieme a Michel De Certeau, possiamo partire dalle pratiche quotidiane per scoprire attraverso di esse la libertà all’opera. Possiamo parlare, ad esempio, di pratiche dello spazio, ossia del modo con cui un ambiente, un edificio, una stanza sono percorsi dalle persone. Un palazzo cambia quando lo consideriamo attraverso le mappe catastali oppure attraverso gli occhi di colui che vi entra per cercare qualcuno. Egli sta «mettendo in pratica» lo spazio!

Possiamo parlare di pratiche dello sguardo, quando consideriamo, ad esempio, un’opera d’arte. Gli strumenti ottici tradizionali e moderni catturano l’immagine e la analizzano con parametri fissi. L’osservatore umano, al contrario, «butta l’occhio» sull’opera associandola al proprio vissuto, soffermandosi o prendendone le distanze, portando l’attenzione su un particolare per volta, compiendo un percorso. Sta praticando l’opera d’arte con la mobilità del proprio sguardo.

Ci sono, inoltre, pratiche di scrittura da cui derivano libri, lettere, documenti. In essi troviamo come «cadaveri» o «reliquie» di un vissuto, di parole e pensieri che sono stati vivi. L’ autore, con la sua parola, il suo pensiero, non è più lì. È ormai altrove. Scrivere è perciò praticare la consegna di se stesso, è anticipare la propria morte.

Anche la lettura è una pratica della libertà, quando viene fatta da esseri umani. I programmi di lettura automatica si limitano a riprodurre suoni, collegati a segni. Il lettore, invece, corre o rallenta nella lettura, enfatizza o trascura parole e frasi, sceglie quale vita dare a parole morte.

Nel quotidiano troviamo anche le pratiche della fede, che non sono semplicemente i riti o gli atti di devozione, né i gesti di carità o i discorsi teologici. Sono le credenze, ossia l’investimento di fiducia in ciò che si sta facendo, la speranza associata alle proprie pratiche. Per questo motivo non si può dissociare la fede dall’attività culturale, affinché essa si traduca in pratica!

Solennità Cristo Re dell’Universo (A)

«Quando ti abbiamo visto … ?» (Mt 25,37).

Siccome non vedono più il loro re e pastore, scomparso o nascosto, le pecore prendono l’iniziativa: danno da mangiare agli affamati, da bere agli assetati, ospitalità agli stranieri, dignità a chi era spogliato … Al contrario si comportano le capre: siccome non vedono il loro re e pastore, cioè non hanno né guida né comando, sospendono ogni iniziativa. Se sapessero che il re e pastore è camuffato nei poveri, lo servirebbero certamente. Ma non lo vedono. Ecco due modi di stare al mondo, nei momenti di confusione, di incertezza, quando non è chiaro che cosa fare: intraprendere comunque iniziative, mossi dalla misericordia, oppure sospendere tutto e aspettare che arrivino ordini chiari. Allora saremo pronti, ma sarà tardi! (commento di Giuseppe Pellegrino).

Online il sito internet del Sinodo delle diocesi di Cuneo e di Fossano
Su www.sinodocuneoefossano è possibile visionale materiali, post e video per aiutare le condivisioni nelle assemblee
Che cos’è il nuovo Messale?
Don Ezio Mandrile, don Gabriele Mecca e don Marco Riba in quattro video spiegano il senso e le novità
“E non abbandonarci… nelle mani del Padre nostro”
Incontro online con don Marco Gallo sulla preghiera del Padre nostro
Un Sinodo per le Chiese di Cuneo e di Fossano
Il vescovo Piero Delbosco invita tutti i fedeli e le persone di buona volontà a mettersi in ascolto per immaginare la nostra Chiesa
“Abbiamo bisogno di ascoltare la voce di tutti”
Videomessaggio sul motivo del Sinodo del Vescovo Piero Delbosco insieme a don Giuseppe Pellegrino e don Pierangelo Chiaramello
“Praticare” è il verbo filo conduttore della riflessione di novembre del settore Cultura della Curia
I documenti dell'Archivio che testimoniano il valore della pratica della scrittura come strumento di libertà, il libro "Pratica di amar Gesù Cristo" e il nuovo cantiere del mese

NEWS

Fratres omnes

Fratelli tutti è il titolo che il… Read More

Iscriviti alla nostra Newsletter

Donazioni

Per eventuali donazioni in favore delle iniziative culturali della Diocesi di Cuneo, utilizzare il codice IBAN IT61 J030 6909 6061 0000 0006 002 intestato a DIOCESI DI CUNEO, presso Banca Intesa Sanpaolo, indicando la causale: Donazione per iniziative culturali della Diocesi di Cuneo. Grazie a quanti vorranno contribuire!

SEGNALAZIONE

Teologia del cinema, di Paolo Cattorini EDB Edizioni

Che cosa c’entra Dio col cinema? Quale… Read More

CANTIERE DEL MESE

Restauro al Santuario di Fontanelle

Il santuario di Fontanelle, voluto da don… Read More

OPERA DEL MESE

Per final pagamento delle sue fatiche

All’inizio del XVIII secolo la struttura del… Read More

DOCUMENTO DEL MESE

Firmi qui

Riprendendo quanto… Read More

LIBRO DEL MESE

Pratica di amare Gesù Cristo

Se per orientare una scelta di vita… Read More

PELLEGRINAGGIO DEL MESE

Bellezze della Croazia

in programmazione (per il 2021) Istria… Read More

Esplora oltre 5 milioni di oggetti d'arte, edifici di culto, libri, fondi archivistici ed istituti culturali